Naselli Crispi

porte aperte
Palazzo Naselli-Crispi

#

#

Corsa di Bonifè
Ettari

256.733
ettari

superficie del comprensorio

kilometri

4.191
chilometri

estensione dei canali

impianti di scolo

78
impianti

impianti di scolo

impianti di irrigazione

88
impianti

impianti di irrigazione

portata metri cubi al secondo

780
metri cubi al secondo

portata totale impianti

potenza installata

47.780
kiloWATT

potenza installata complessiva

previous arrow
next arrow

UILA (Unione Italiana Lavoratori Agroalimentari) ha donato 4 idrovore ai Consorzi che hanno dovuto affrontare i fenomeni alluvionali di maggio

La solidarietà ai territori colpiti dall’alluvione e ai Consorzi di bonifica, che hanno impiegato mezzi e uomini per scongiurare danni peggiori, arriva dagli associati di Uila Nazionale (Unione Italiana Lavoratori Agroalimentari). Su iniziativa del sindacato, infatti, è stata lanciata una raccolta fondi e con il ricavato sono state donate quattro idrovore a: Consorzio della Bonifica Renana, ai due Consorzi della Romagna e Romagna Occidentale ed anche al Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, che in quei giorni, pur non essendo toccato direttamente dai fenomeni alluvionali, ha supportato con idrovore e personale i Consorzi delle zone più colpite per liberarle dall’acqua.

“Ringrazio la Uila per aver aperto la sottoscrizione – ha detto durante la consegna delle idrovore avvenuta l’11 luglio a Faenza il presidente Stefano Calderoni - e naturalmente i lavoratori che hanno aderito davvero molto numerosi. Tutta la solidarietà è importante, ma quella che arriva dal settore agricolo ha un valore ancora maggiore, perché significa che gli operatori riconoscono il ruolo essenziale dei Consorzi che, oltre alle attività ordinaria di gestione delle acque e del territorio, hanno attraversato due anni di gestione straordinaria prima con la siccità estrema e poi con i fenomeni alluvionali. Useremo al meglio la macchina che ci è stata donata, peraltro estremamente all’avanguardia perché si tratta di un’idrovora ad alte prestazioni, insonorizzata, alimentata da motori diesel a tre cilindri di ultima generazione, completa di set di tubazioni e accessori che garantiscono portate fino a 𝟭𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗹𝗶𝘁𝗿𝗶/𝗺𝗶𝗻𝘂𝘁𝗼. Un gioello tecnologico che supporterà le operazioni ordinarie e quelle straordinarie del nostro ente nei prossimi anni”.

Un dono arrivato grazie all’impegno del sindacato che fa capo alla Uil e unisce i lavoratori del settore agricolo e alimentare. “Come UILA nazionale siamo rimasti molto colpiti da quanto accaduto nel mese di maggio in Emilia-Romagna” - sottolinea Mirko Cavallini, segretario territoriale di UILA- UIL di Ferrara e Rovigo -. “Di fronte alla devastante alluvione abbiamo immediatamente pensato di fare qualcosa di concreto, un segno tangibile di solidarietà. La raccolta fondi tra i nostri associati che ha avuto un grande successo e abbiamo scelto di non fare una donazione in denaro, ma di acquistare uno strumento essenziale come l’idrovora per metterlo a disposizione dei territori maggiormente colpiti e degli enti che sono stati essenziali in quel momento di forte emergenza. Abbiamo infatti potuto vedere e toccare con mano - continua Cavallini - lo straordinario impegno profuso dal Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara e dai suoi dipendenti nel supporto delle aree alluvionate maggiormente colpite dell’Emilia-Romagna”

Un impegno concreto, fatto non solo di mezzi ma di personale impegnato giorno e notte nelle fasi più difficili dell’emergenza, come spiega il direttore generale del Consorzio Mauro Monti: “Subito dopo l’evento, sono giunte al nostro ente richieste di aiuto da parte dei Consorzi maggiormente colpiti e della Protezione Civile regionale, ai quali abbiamo voluto dare immediato riscontro inviando squadre di personale qualificato per l’installazione di impianti idrovori provvisori. Hanno partecipato a questa massiccia azione ben 117 dipendenti. È anche grazie al loro lavoro, alla loro professionalità che non ha visto risparmi di tempo ed energie se si potuto contribuire al prosciugamento delle aree allagate e al rientro dell’emergenza”.