consorzio di bonifica
pianura di ferrara

256.733
ettari

superficie del comprensorio

4.208
chilometri

estensione dei canali

78
impianti

impianti di scolo

86
impianti

impianti di irrigazione

780
metri cubi al secondo

portata totale impianti

47.780
kiloWATT

potenza installata complessiva

Slider

UN RICONOSCIMENTO PER L'INTERO MONDO DELLA BONIFICA FERRARESE

Il mondo della bonifica ha riconosciuto l’importanza dell’esperienza maturata  dal presidente del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Franco Dalle Vacche, premiando i tanti anni  al servizio del territorio e i risultati raggiunti, con la nomina di socio onorario di Anbi nazionale, riconoscendo in lui un uomo capace di dare certo valore aggiunto a tutto il movimento nazionale.

Anbi, infatti, rappresenta e coordina l'attivita' dei Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario operanti nel nostro Paese, realtà sulle quali è fondata la tutela ambientale, idrogeologica e irrigua dell’Italia intera.

Nell’ultima seduta, il comitato esecutivo nazionale ha dunque ravvisato nell’attuale presidente del Consorzio il rilevante contributo alla conoscenza dell'attività e dell'istituto consortile sotto gli aspetti scientifico, culturale ed operativo, da lui svolto nell' intero mondo della bonifica ferrarese  e quanto fatto in particolare nell’ultimo decennio. Anbi ha voluto riconoscere la dedizione de Presidente Dalle Vacche, i risultati raggiunti anche grazie all’affiatamento creatosi all’interno dell’ente e la puntuale gestione di una macchina complessa che però non ha mai avuto battute d’arresto e anzi, ha saputo stare costantemente al fianco di enti e amministrazioni per quanto riguarda opere pubbliche ed emergenze.IMG 8755 Large

“All’unanimità è stato riconosciuto l’impegno e la devozione che ha quotidianamente dedicato a questo lavoro – ha spiegato Francesco Vincenzi, presidente Anbi nazionale - il valore aggiunto che ha portato come presidente, la correttezza dell’operato e l’esempio che tutti i giorni ha dimostrato a colleghi e collaboratori”

“Un riconoscimento che arriva al termine di un mandato storico – dice Mauro Monti, Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara – Franco Dalle Vacche infatti, era presidente di uno dei tre consorzi che unificandosi hanno generato l’attuale assetto, ne ha gestito l’accorpamento e ha avuto un ruolo fondamentale nella buona riuscita dell'operazione. Il suo intenso e determinante lavoro è stato decisivo per la crescita del nuovo Consorzio dando anche vita ad un non scontato equilibrio tra le varie associazioni ; le agricole certamente, ma valorizzando presenza e contributo anche della componente extragricola tutta.

Ormai al rinnovo delle cariche amministrative del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, Anbi non ha dunque voluto perdere questo patrimonio, la nomina a socio onorario di Franco Dalle Vacche consente di mantenere ancora a disposizione la sua esperienza e la sua brillante visione a beneficio dell’ente e di tutto il mondo consortile.  Un riconoscimento che nel contempo, premia anche il nostro territorio e l'esperienza del ‘modello estense' a livello nazionale.

“Sono entrato in Bonifica come consigliere a 32 anni e concludo il mio compito di amministratore alle soglie dei 65. Posso ben dire che sia una vita dedicata a questa "comunita'" nel senso più ampio – dice Franco Dalle Vacche, Presidente del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara - Ho sempre creduto che la passione per il proprio lavoro e la consapevolezza per la responsabilità del servizio che ci è affidato siano elementi fondamentali per ottenere risultati. Sabato 12 e Domenica 13 dicembre i consorziati ferraresi potranno eleggere nuovi consiglieri ed anche confermarne altri, che mi hanno accompagnato nell'ultimo mio mandato, come sempre il cambiamento nella continuità è uno dei valori fondanti nella storia della bonifica ferrarese. E' certamente un momento difficile per le tante situazioni economiche e sanitarie ma invito tutti a partecipare con il proprio voto nei vari seggi che sono stati allestiti da parte dell'Ente”