Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Possono invece essere utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di eventuali plugin di siti esterni.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookie. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

LA BONIFICA FERRARESE E LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE

Oggi, nel modello di sviluppo territoriale, che in precedenza riguardava principalmente l’ambito economico – produttivo, vengono prese in maggiore considerazione esigenze di tipo ambientale – paesistico – ricreativo. Il complesso di tali esigenze è strettamente legato al bene “acqua” che è destinato a diventare sempre più prezioso per soddisfare i bisogni primari, secondari ed ecologici.
Il fitto reticolo idraulico artificiale, interamente gestito dal Consorzio di Bonifica, oltre a rappresentare lo strumento in grado di soddisfare le necessità di scolo ed irrigue del territorio, costituisce il naturale recapito finale degli scarichi fognari di qualsiasi insediamento civile e produttivo.
Pertanto, l’attività che svolge la bonifica assume un’importanza fondamentale anche in campo ambientale: quella di regimazione idraulica, volta al mantenimento del rapporto ottimale fra terra ed acqua.
Sono inoltre in atto numerose iniziative specifiche, tese al miglioramento della qualità delle acque ed alla valorizzazione ambientale delle opere di bonifica.