Il presente sito web utilizza cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione presti il tuo consenso all'uso dei cookie utilizzati dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

LA BONIFICA FERRARESE E LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE

Oggi, nel modello di sviluppo territoriale, che in precedenza riguardava principalmente l’ambito economico – produttivo, vengono prese in maggiore considerazione esigenze di tipo ambientale – paesistico – ricreativo. Il complesso di tali esigenze è strettamente legato al bene “acqua” che è destinato a diventare sempre più prezioso per soddisfare i bisogni primari, secondari ed ecologici.
Il fitto reticolo idraulico artificiale, interamente gestito dal Consorzio di Bonifica, oltre a rappresentare lo strumento in grado di soddisfare le necessità di scolo ed irrigue del territorio, costituisce il naturale recapito finale degli scarichi fognari di qualsiasi insediamento civile e produttivo.
Pertanto, l’attività che svolge la bonifica assume un’importanza fondamentale anche in campo ambientale: quella di regimazione idraulica, volta al mantenimento del rapporto ottimale fra terra ed acqua.
Sono inoltre in atto numerose iniziative specifiche, tese al miglioramento della qualità delle acque ed alla valorizzazione ambientale delle opere di bonifica.