Il presente sito web utilizza cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione presti il tuo consenso all'uso dei cookie utilizzati dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

CONTENIMENTO DEL RODITORE “NUTRIA” A DIFESA DELLE STRUTTURE IDRAULICHE CONSORTILI E DELL’INCOLUMITA’ DELLE PERSONE

Ferrara, mercoledì 4 marzo 2015

Nel territorio totalmente di pianura in cui opera il Consorzio di Bonifica la proliferazione di colonie del roditore “nutria” è da tempo un fenomeno molto preoccupante per i riflessi diretti sulla sicurezza idraulica ed anche per l’attività di derivazione irrigua.

Questa massiva presenza, alla luce delle caratteristiche comportamentali della specie che si manifesta con la realizzazione di tane e cunicoli in prossimità di corsi d’acqua naturali e artificiali, indebolisce in maniera significativa le condizioni di solidità e sicurezza di manufatti di contenimento e regimazione delle acque, con conseguente innalzamento di possibili situazioni di allagamento di zone urbanizzate e agricole, ed interruzioni di distribuzione irrigua ai fini agricoli ed ambientali.

L’attività del Consorzio è tesa ad intervenire per consolidare sponde ed argini che presentano possibili cedimenti. Questa azione è fortemente onerosa e può risultare inefficace se non affiancata da una sistematica azione di contenimento delle nutrie sul territorio, secondo le modalità previste dalle ordinanze comunali.

NO A TRIVELLAZIONI PER RICERCA IDROCARBURI - RISCHIO SUBSIDENZA

Ferrara, mercoledì 4 marzo 2015

La ripresa delle ricerche esplorative e di possibili sfruttamenti di idrocarburi nel perimetro del comprensorio consortile preoccupano per l’impatto che queste attività possono avere in un territorio caratterizzato da una storica forte subsidenza, sia di carattere naturale che antropica in seguito all’ingente estrazione di gas avvenuta negli anni ’50 e continuata per lungo tempo con il conseguente aggravamento delle situazioni di rischio idraulico tipiche di un territorio posto sotto il livello del mare.

Il Comitato Amministrativo del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, nella seduta dell’11 febbraio u.s., ha espresso la propria contrarietà e ha confermato quanto stabilito all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione consortile, organo dove sono presenti le rappresentanze delle categorie produttive ed associative del territorio unitamente alla parte pubblica (vedasi Deliberazione n. 15 del 23 maggio 2011).

Si evidenzia che la subsidenza presente nella provincia di Ferrara e Rovigo ha tutt’ora pesanti effetti sull’onerosità della gestione e sull’attività complessiva della bonifica, costantemente impegnata a tutela di persone e beni.

EMERGENZA EVENTI METEORICI

Ferrara, venerdì 6 febbraio 2015

Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara informa i consorziati che personale e strutture sono impegnate al massimo per fronteggiare gli eventi meteorici in corso sull’intero comprensorio.

Le intense mareggiate creano ulteriori difficoltà al normale scarico a mare delle idrovore, che sono attive alla massima capacità.

Come sempre il Comitato Amministrativo licenzierà un rapporto tecnico con tutti gli elementi utili a descrivere la situazione, mettendoli a disposizione a tutti i soggetti che ne abbiamo interesse.

 

AZIONI CONCRETE CONTRO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CHE IN EMILIA ROMAGNA CRESCE SUPERANDO LA SOGLIA DEL MILIARDO DI EURO. IL RISCHIO AGGRAVATO DA UNA ESTATE ATIPICA CHE INCREMENTA LA FRAGILITA’ DEL TERRITORIO

Pronto un primo pacchetto di interventi cantierabili in zone ad “alto rischio” segnalato dai Consorzi di bonifica dell’Emilia Romagna. L’ Urber richiama attenzione sui processi  per accelerare la prevenzione prima che sia troppo tardi.

I Consorzi, già operativi, sono pronti ad un sostegno immediato

 

Bologna, 5 Agosto 2014 – In Emilia Romagna il valore del dissesto idrogeologico sta superando la soglia del miliardo di euro, una quantificazione direttamente proporzionale al numero e al valore degli auspicabili interventi da fare al più presto per mettere in sicurezza le zone ad alto rischio. Interventi che i Consorzi di bonifica hanno monitorato per tempo in modo capillare e che continuano a segnalare proprio in considerazione della loro attività quotidiana sui territori più fragili.

Leggi tutto: AZIONI CONCRETE CONTRO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CHE IN EMILIA ROMAGNA CRESCE SUPERANDO LA...

CHIUSURA AL TRAFFICO PER LAVORI VICONOVO

Ferrara, 29 gennaio 2015

Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara comunica che a partire da lunedì 2 Febbraio 2015 e fino ad ultimazione lavori, verrà chiuso al traffico il ponte Costabili sito in Via Bertolda, in località Viconovo di Ferrara, in prossimità del civico n° 40 per lavori di consolidamento della struttura stessa del ponte.
(Ordinanza temporanea del comune di Ferrara n° 24/2015 del 29/01/2015 prot n° 009852)

NOTA DEL CONSORZIO DI BONIFICA A CHIARIMENTO DELLA NOTIZIA RELATIVA ALLA CHIUSURA DI VIA DIAMANTINA

Egr. Direttore,

Le invio una nota a chiarimento sulla “chiusura di via Diamantina”, notizia che ha trovato ampio spazio all’inizio di luglio nella sua testata.

L’INTERVENTO.

La ripresa spondale in via Canal Bianco interessa un tratto lineare di circa 15 metri, per un importo stimato di 2.100,00 €, una giornata di lavoro. E’ evidente dai valori indicati la modestia di tale operazione.

Leggi tutto: NOTA DEL CONSORZIO DI BONIFICA A CHIARIMENTO DELLA NOTIZIA RELATIVA ALLA CHIUSURA DI VIA DIAMANTINA

Comacchio-morìa di vongole: precisazioni del Consorzio di Bonifica

giovedì 23 ottobre 2014

In relazione all’articolo pubblicato in data 20 ottobre 2014 su Il Resto del Carlino-Basso Ferrarese-Comacchio “Acque inquinate, morìa di vongole. La colpa si attribuisce agli scarichi delle risaie nei canali” si precisa:

la superficie coltivata attualmente a risaia, e che interessa le valli, è di ha 82, i volumi scaricati di conseguenza sono irrisori. Le operazioni avvengono in modo pressoché abituale di notte per avvantaggiarsi di tariffe elettriche più economiche.

Nessuna questione relativamente alle maree è stata mai presa in considerazione.

Attribuire all’attività consortile, ed ai risicoltori di questa zona, qualsiasi effetto su anomali fenomeni in ambito ittico è infondato se non fantasioso.

Ferrara, 23 ottobre 2014

 

IL PRESIDENTE DEL

CONSORZIO DI BONIFICA

PIANURA DI FERRARA

Franco Dalle Vacche

I CONSORZI DI BONIFICA NON SONO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.SONO SOGGETTI PRIVATI CON FUNZIONE PUBBLICA, BUON ESEMPIO DI SUSSIDIARIETA'

Bologna – 7 Aprile 2014 – Taglia corto a proposito dei rumors che vorrebbero anche le Bonifiche interessate dai tagli del cosiddetto decreto “Sforbicia-Italia”, il presidente dell’Urber Massimiliano Pederzoli: «I Consorzi di Bonifica non possono essere considerati parte della pubblica amministrazione in quanto non pesano sulle casse dello Stato, in ragione di quella autonomia finanziaria e di quell’autogoverno dei consorziati, cui fanno capo le spese di funzionamento e di gestione delle opere pubbliche, finalizzate alla riduzione del rischio idraulico e alla mitigazione del dissesto idrogeologico oltre alla razionale utilizzazione dell’acqua irrigua, fondamentale per il Made in Italy agroalimentare. Sono dunque soggetti privati con funzione pubblica che non possono rientrare fra gli obiettivi della spending review».

Leggi tutto il   Comunicato_Stampa Urber Unione Regionale delle Bonfiche Emilia Romagna

“STANGATA DELLA CASSAZIONE AI CITTADINI/CONSORZIATI DELLA PROVINCIA SU INIZIATIVA DI 5 COMUNI FERRARESI”.

Egr. Direttore,

nel ringraziarla per l’ospitalità che mi dà sul suo giornale, le propongo da subito la correzione del titolo dell’articolo del 02/10/2014 pubblicato nella cronaca di Codigoro:

 

“STANGATA DELLA CASSAZIONE AL CONSORZIO DI BONIFICA”

 

in un titolo ben più appropriato:

 

“STANGATA DELLA CASSAZIONE AI CITTADINI/CONSORZIATI DELLA PROVINCIA SU INIZIATIVA DI 5 COMUNI FERRARESI”.

 

Cittadini/consorziati che sono stati inconsapevoli promotori di una sorta di “contenzioso a se stessi”, con la certezza (o in una veste, o nell’altra) di perdere comunque e di sostenere gli oneri delle cause su entrambi i versanti: sia come abitanti dei Comuni ricorrenti, da un lato, sia come consorziati che si difendevano, dall’altro (leggi art. del 13/02/2013 “ICI SULLE IDROVORE, UNA ECCELLENZA NEGATIVA FERRARESE”).

Leggi tutto: “STANGATA DELLA CASSAZIONE AI CITTADINI/CONSORZIATI DELLA PROVINCIA SU INIZIATIVA DI 5 COMUNI...