Il presente sito web utilizza cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione presti il tuo consenso all'uso dei cookie utilizzati dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

"Frangiventi del Mezzano" precisazioni

L’Amministrazione consortile a precisazione delle notizie riportate sulla stampa locale “Frangiventi del Mezzano” fa presente:

 

-          Queste superfici pertinenze idrauliche dei canali di Bonifica sono inserite nella rete Natura 2000 ed erano in un contesto di intensa attività colturale agricola, le uniche che potevano garantire gli obiettivi tra doveri di manutenzione e tutela ambientale (ZPS), quali la protezione dell’avifauna nell’area della Bonifica del Mezzano.

La Provincia è pertanto titolare di una concessione a titolo gratuito, che nel 2008 ha comportato per l’adesione al Protocollo di Kioto l’inserimento dei frangivento e l’attività di rimboschimento;

 

-          Questi interventi di manutenzione e rimboschimento erano e sono ad esclusivo onere della provincia in qualità di concessionaria;

 

-          I frangivento non esplicano funzioni sulla sicurezza idraulica, altresì la presenza delle attività sopradette consentono una maggiore presenza e conseguente sorveglianza di aree spesso oggetto di abbandono di rifiuti e discariche abusive;

 

-          Il Consorzio alla luce delle oggettive difficoltà che incontrano un po’ tutte le Province nell’adempiere ai propri impegni ha intrapreso iniziative volte alla restituzione di tali aree, compatibilmente con gli impegni presi nell’ambito comunitario;

 

-       In questo quadro si stanno progettando una serie di interventi di manutenzione ed utilizzo per contenere gli oneri a carico del bilancio consortile ed ottenere una gestione più ordinata.

 

Il Presidente

            Dott. Franco Dalle Vacche