Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Possono invece essere utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di eventuali plugin di siti esterni.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookie. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

MORÌA DI PESCI IN VIA VECCHIO RENO

In riferimento all'articolo apparso su Il Resto del Carlino il 05/09/2016 (che riportiamo) alleghiamo documentazione che il Consorzio di Bonifica ha inviato alla Prefettura di Ferrara : 

- Relazione del Responsabile del Consorzio della Sezione Alto Ferrarese sud - Rendiconto del sopralluogo effettuato dal Dipartimento Scienze della Vita e Biotecnologie dell'Università degli Studi di Ferrara.

 Documentazione inviata alla Prefettura

ARTICOLO SU "IL RESTO DEL CARLINO 5-9-2016 PAGINA 5":

VIA VECCHIO RENO LA RABBIA DI UNA RESIDENTE

«Canale prosciugato, strage di pesci»

UN CANALE prosciugato e centinaia di pesci lasciati morire. Tutto questo è successo venerdì in via Vecchio Reno, tra la città e Fondo Reno, come documentato da una nostra lettrice. «Il canale che fiancheggia tutta la strada ­ scrive Giovanna Montanari ­ è stato inspiegabilmente e completamente prosciugato. Questo fatto è avvenuto nella totale indifferenza dei suoi autori con i numerosi pesci che vi vivevano dentro che hanno tentato di trovare scampo ammassandosi in pozze sempre più piccole fino a morire nel peggiore dei modi. Al mio ritorno a casa ­ continua la lettera ­ ho trovato un paio di ragazzi che con dei retini tentavano inutilmente di salvare qualche animale travasandoli in altri canali pieni ma, complice il caldo torrido, è stato tutto inutile. Così non è rimasto che il panorama desolante di un ammasso di pesci morti che tra l' altro, sotto il sole cocente di questi giorni, hanno iniziato ad imputridirsi generando un odore nauseabondo e forse anche problemi di igiene pubblica». Possibile, si domanda la lettrice, che «l' ente preposto (il Consorzio di bonifica?) o chi per esso, possa generare un fatto così incivile e con tanta noncuranza per animali e abitanti? Come si può essere spesso così critici nei confronti delle altre culture quando la nostra è così tangibilmente povera di sensibilità e rispetto?».