Il presente sito web utilizza cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione presti il tuo consenso all'uso dei cookie utilizzati dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

TRANSITO PERICOLOSO NELLE MAREZZANE DEI CANALI DI BONIFICA

Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara gestisce un’ampia rete di canali la cui estensione supera i quattromila chilometri.
Questi canali sono destinati all’allontanamento delle acque di pioggia e in gran parte anche all’alimentazione dei terreni con acqua irrigua; il loro alveo è prevalentemente in terra e a cielo aperto.
La natura instabile dei terreni del Ferrarese, costituiti da sedimenti alluvionali, unitamente al lavorio provocato dall’acqua, favorisce quei fenomeni di erosione e smottamento delle sponde che il Consorzio da sempre cerca di contrastare con interventi che occorre periodicamente ripetere.
Il Consorzio, compatibilmente con le risorse a disposizione, programma e realizza interventi di ripristino delle sponde, dando in genere priorità alle situazioni più critiche (presenza di frutteti, aree cortilive, fabbricati, strade, ecc.); ma ciò non è sufficiente a risolvere il problema in modo soddisfacente e in tempi brevi.
Negli ultimi anni questa situazione è andata ulteriormente aggravandosi a causa del progressivo proliferare delle nutrie (Myocastor Coypus) che scavano tane e cunicoli nelle sponde dei canali; l’azione di contrasto al loro diffondersi, alla quale il Consorzio partecipa costantemente, non è stata tuttavia sufficiente a impedire i danni che esse provocano, che invece sono andati aumentando.
Le cosiddette fasce di marezzana, adiacenti ai canali, sono quasi sempre utilizzate dagli agricoltori come capezzagne e sono pertanto normalmente interessate dal transito dei mezzi agricoli per le esigenze delle coltivazioni.
Se per essi uno smottamento di sponda si presenta di norma in modo abbastanza evidente, tanto da poterne tenere conto negli spostamenti dei mezzi agricoli, diversamente le cavità prodotte dalle nutrie, che dalla sponda possono spingersi oltre ai cigli, al di sotto delle marezzane, creano un pericolo che spesso non presenta manifestazioni evidenti in superficie.
La situazione accennata porta a considerare che occorre prestare la massima attenzione nel percorrere le marezzane coi mezzi agricoli, mantenendo comunque un’idonea distanza di sicurezza dai cigli e controllando regolarmente che non siano presenti nuove erosioni di sponda e nuove cavità nascoste.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E STAGE FORMATIVI NEI CONSORZI DI BONIFICA PER IL NUOVO ANNO: RESTA ANCORA UNA SETTIMANA PER LE DOMANDE

14000 ore di attività 1416 studenti coinvolti, 31 istituti, 62 classi, 90 docenti. Progetti sperimentali diventati un successo e le statistiche regionali confermano un vero e proprio boom di presenze degli studenti coinvolti nella passata stagione scolastica

Bologna - 18 Settembre 2017– Dati numerici che vanno ben al di la di ogni più rosea previsione quelli che in pochi mesi dall’inizio del progetto tra ANBI Emilia Romagna e Ufficio Scolastico Regionale (Piano Attuativo Protocollo di intesa triennale USR Ministero Istruzione Università e Ricerca e ANBI) consentono di dire che l’inizio sperimentale di questo innovativo modello di collaborazione di alternanza-scuola lavoro - basato sull’insegnamento delle attività svolte dai Consorzi di bonifica - sia un vero e proprio successo.

Leggi tutto: ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E STAGE FORMATIVI NEI CONSORZI DI BONIFICA PER IL NUOVO ANNO: RESTA...

PORTO GARIBALDI "ROVI E DETRITI ACCOLGONO NUTRIE E TOPI" RISPOSTA DEL CONSORZIO DI BONIFICA

Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara in riferimento all’articolo pubblicato su Il Resto del Carlino in data 2 aprile 2017 dal titolo “Rovi e detriti accolgono nutrie e topi”  Leggi Articolo estratto  fa presente che l’affossatura citata non è di competenza di questo Ente, ma la titolarità è del Demanio Idrico (Regione).
L’Amministrazione del Comune di Comacchio ed i suoi Tecnici ne sono da tempo a conoscenza sia per la corrispondenza intercorsa, sia per gli incontri che avvengono in tema di urbanizzazioni che interessano il territorio comunale.
Il Consorzio di Bonifica, proprio nei riguardi di “Via Guide Garibaldine”, ha presentato suggerimenti al fine di migliorare la situazione locale, caratterizzata da costruzioni, tombamenti, modifiche di linee di scolo: tutti interventi per i quali nessuna autorizzazione è stata rilasciata da questo Ente, perché non di sua competenza.
Si precisa inoltre che l’emissione di contributi consortili relativi ai fabbricati sono attinenti allo scarico delle acque provenienti dalle abitazioni, che trovano recapito poi, attraverso il sistema fognario, nel depuratore comunale; acque che infine, dopo il trattamento depurativo, vengono convogliate e sollevate verso mare dall’Impianto Idrovoro Consortile di Guagnino.

 

Il Presidente
Dott. Franco Dalle Vacche

 

MORÌA DI PESCI IN VIA VECCHIO RENO

In riferimento all'articolo apparso su Il Resto del Carlino il 05/09/2016 (che riportiamo) alleghiamo documentazione che il Consorzio di Bonifica ha inviato alla Prefettura di Ferrara : 

- Relazione del Responsabile del Consorzio della Sezione Alto Ferrarese sud - Rendiconto del sopralluogo effettuato dal Dipartimento Scienze della Vita e Biotecnologie dell'Università degli Studi di Ferrara.

 Documentazione inviata alla Prefettura

ARTICOLO SU "IL RESTO DEL CARLINO 5-9-2016 PAGINA 5":

VIA VECCHIO RENO LA RABBIA DI UNA RESIDENTE

«Canale prosciugato, strage di pesci»

UN CANALE prosciugato e centinaia di pesci lasciati morire. Tutto questo è successo venerdì in via Vecchio Reno, tra la città e Fondo Reno, come documentato da una nostra lettrice. «Il canale che fiancheggia tutta la strada ­ scrive Giovanna Montanari ­ è stato inspiegabilmente e completamente prosciugato. Questo fatto è avvenuto nella totale indifferenza dei suoi autori con i numerosi pesci che vi vivevano dentro che hanno tentato di trovare scampo ammassandosi in pozze sempre più piccole fino a morire nel peggiore dei modi. Al mio ritorno a casa ­ continua la lettera ­ ho trovato un paio di ragazzi che con dei retini tentavano inutilmente di salvare qualche animale travasandoli in altri canali pieni ma, complice il caldo torrido, è stato tutto inutile. Così non è rimasto che il panorama desolante di un ammasso di pesci morti che tra l' altro, sotto il sole cocente di questi giorni, hanno iniziato ad imputridirsi generando un odore nauseabondo e forse anche problemi di igiene pubblica». Possibile, si domanda la lettrice, che «l' ente preposto (il Consorzio di bonifica?) o chi per esso, possa generare un fatto così incivile e con tanta noncuranza per animali e abitanti? Come si può essere spesso così critici nei confronti delle altre culture quando la nostra è così tangibilmente povera di sensibilità e rispetto?».

 

 

AVVIO ANTICIPATO STAGIONE IRRIGUA 2017

Si informano gli utenti agricoli che il Consiglio Amministrativo del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, stante la perdurante assenza di piogge, ha disposto di avviare la stagione irrigua ordinaria da lunedì 10 aprile, anziché dal 21 aprile come previsto dal Regolamento irriguo.
Altresì, si ricorda alle aziende, che per ragioni colturali necessitano di forniture irrigue da subito, la possibilità di inoltrare domanda utilizzando lo strumento dell’irrigazione anticipata; strumento già operativo fin dal mese di marzo.
Si precisa inoltre che in ragione della perdurante siccità, non viene applicata la maggiorazione per la presentazione della domanda oltre i termini previsti (28 febbraio).
Per maggiori informazioni si invita a consultare il sito del Consorzio www.bonificaferrara.it , Contributi e concessioni – irrigazioni

GRADUALITÀ CONTRIBUTI

La Regione Emilia Romagna, con Deliberazione della Giunta Regionale n. 703 del 16/5/2016, ha rivisto i parametri per l’introduzione graduale del nuovo Piano di Classifica nell’anno 2016, ampliandone il campo applicativo.

Il Consiglio di Amministrazione di questo Consorzio, con Deliberazione n. 18 del 13/6/2016, ha recepito le nuove disposizioni regionali, stabilendo i criteri operativi per l’applicazione e, in particolare, che la gradualità si applica in caso di variazioni dei contributi superiori a 30 euro ed in presenza di una maggiorazione del 20%.

Dall’attuazione di tali disposizioni consegue che circa 20.000 Ditte Consorziate riceveranno entro il mese di luglio p.v. apposita comunicazione tramite il Concessionario della Riscossione Tributi Sorit S.p.A., relativa al nuovo importo per contributi consortili anno 2016, diminuito per effetto dei nuovi criteri di gradualità.

Insieme a suddetta comunicazione le Ditte interessate riceveranno i bollettini di pagamento con gli importi già corretti, relativamente agli importi non ancora versati.

Nel caso in cui sia stata data disposizione alla Banca di competenza per il pagamento diretto, Sorit S.p.A. provvederà a comunicare alle Banche interessate i nuovi importi.

Nel caso in cui la Ditta consorziata abbia già provveduto al pagamento dell’intero importo per contributi anno 2016, riceverà da Sorit S.p.a. apposito rimborso della quota pagata in eccesso tramite assegno.

QUATTRO INCONTRI PER CONOSCERE MEGLIO IL CONSORZIO DI BONIFICA PIANURA DI FERRARA

Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara ha organizzato, a partire dal 14 dicembre, una serie di quattro incontri a Spazio Crema a Ferrara, dal titolo: “Un Aperitivo con la Bonifica”, per approfondire alcune particolari tematiche. Il primo incontro, dopo i saluti del presidente Franco Dalle Vacche, si aprirà aprirà con la presentazione del sito web del Consorzio, www.bonificaferrara.it, strumento fondamentale di conoscenza e comunicazione, interamente realizzato – com’è doveroso sottolineare - da personale interno del settore informatico, nella figura di Cristiano Campagnoli. Il portale, consente di trovare contenuti sempre aggiornati, informazioni e notizie puntuali; punto di riferimento per chi volesse conoscere la storia e l’attualità del Consorzio. Il sito web sarà completamente rinnovato ad inizio 2017. Questo permetterà maggiore facilità di consultazione rispetto al precedente, più accessibilità, trasparenza e servizi. La nuova veste grafica moderna e chiara, permetterà una navigazione veloce e intuitiva, fruibile da tutti. L’incontro proseguirà con un altro intervento a cura di Caterina Cornelio, già funzionario archeologo MiBACT, dal titolo: “Ferrara e il suo territorio: una storia infinita di terra, acqua e bonifiche”.

Leggi tutto: QUATTRO INCONTRI PER CONOSCERE MEGLIO IL CONSORZIO DI BONIFICA PIANURA DI FERRARA

RIVISTI I PARAMETRI DI GRADUALITA' DEI CONTRIBUTI CONSORTILI ANNO 2016

Il Consiglio di Amministrazione e la rappresentanza dei Sindaci informano i consorziati che la Regione Emilia Romagna, con deliberazione della Giunta Regionale n. 703 del 16/05/2016, ha rivisto i parametri per l’introduzione graduale del nuovo Piano di Classifica, e che il Consiglio di questo Consorzio, con deliberazione n. 18 del 13/06/2016, ha recepito le nuove disposizioni regionali e ne ha stabilito i criteri operativi per l’applicazione, in una logica di miglior favore per il consorziato, con il risultato di ampliare significativamente le posizioni ricadenti nella gradualità a oltre 20.000, in linea con le sollecitazioni degli Enti locali.

Le posizioni interessate verranno direttamente contattate mediante una lettera con tutti i riferimenti necessari.

Il Consorzio, indipendentemente dalla gradualità, condurrà come già evidenziato in un precedente comunicato stampa, un’analisi per individuare tendenze anomale che potrebbe essere opportuno correggere.

Leggi tutto: RIVISTI I PARAMETRI DI GRADUALITA' DEI CONTRIBUTI CONSORTILI ANNO 2016

FINE STAGIONE IRRIGUA - SEGNALAZIONI DI EVENTUALI CRITICITÁ DELLA FAUNA ITTICA

Giunti al termine della stagione irrigua ed in previsione delle previste operazioni di svaso delle reti idrauliche consortili, si è svolta in data 20 settembre 2016 una riunione di coordinamento, tra i tecnici del Consorzio di Bonifica, i referenti regionali del Servizio Territoriale Agricoltura, Caccia e Pesca di Ferrara e i volontari dell’Associazione Arci Pesca.
Per seguire l’articolata fase di svuotamento della rete irrigua e messa in sicurezza della rete scolante promiscua, che interessa circa 4.000 km di canalizzazioni, si comunica che il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara ed Arci Pesca, mettono a disposizione i numeri telefonici:
Consorzio di Bonifica 348 8017257
Arci Pesca 348 4281942 – 333 8996554
per le segnalazioni di eventuali criticità della fauna ittica riscontrate e connesse alla diminuzione delle quote d’invaso.

Comunicazioni possono essere inoltrate via mail agli indirizzi:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.