Il presente sito web utilizza cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione presti il tuo consenso all'uso dei cookie utilizzati dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

ORIGINE E NATURA GIURIDICA DEL CONSORZIO

Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara è sorto il 1° ottobre 2009, per effetto della Legge Regionale Emilia-Romagna 24 aprile 2009 n. 5 in materia di riordino dei Consorzi di Bonifica, dalla unificazione dei precedenti quattro Consorzi di Bonifica della Provincia di Ferrara: Consorzio di Bonifica 1° Circondario Polesine di Ferrara, Consorzio di Bonifica 2° Circondario Polesine di San Giorgio, Consorzio di Bonifica Valli di Vecchio Reno e Consorzio Generale di Bonifica di 2° grado.

Il Consorzio è persona giuridica pubblica a struttura associativa ai sensi dell’art. 12 della Legge Regionale Emilia-Romagna 2 agosto 1984 n. 42, dell’art. 59 del R.D. 13 febbraio 1933 n. 215 e dell’art. 862 del Codice Civile. Il Consorzio è altresì un ente pubblico economico territoriale.

Il Consorzio è costituito da tutti i proprietari di beni immobili, iscritti al Catasto edilizio urbano ed al Catasto terreni, situati nel comprensorio, in gran parte coincidente con quello amministrativo della Provincia di Ferrara.

Con riguardo ai contratti pubblici di lavori, forniture e servizi, il Consorzio è una “amministrazione aggiudicatrice” di cui all’art. 3, comma 1, lettera a), del D.Lgs. 50/2016, nonché un “organismo di diritto pubblico” di cui alla lettera d) ed una “stazione appaltante” di cui alla lettera o) della medesima norma.